Regione Liguria

Casarza Ligure – Verici – Bruschi - Cardini – Campo Albaro – S. Antonio – S. Giovanni Battista – Casarza Ligure

Ultima modifica 28 gennaio 2019

Il sentiero è segnalato dalle cartine F.I.E. con una cornice quadrata rossa. 

Tempo di percorrenza da S. Margherita di F. L. a Campo Albaro: 2h. 40 min. – ritorno a Casarza L.: 60 min.

Il sentiero ha diversi punti di partenza: 
a) Piazza Mazzini (sede del Comune di Casarza Ligure) , località San Michele a sinistra inizia il sentiero ( antica strada comunale) per Verici, giunti al cimitero di Verici si prosegue per i Bruschi.

b) altro punto è nei pressi del Camping Tigullio a lato del Circolo ‘Virgola’ di S. Margherita di Fossa Lupara, si procede lungo la carrabile che costeggia il camping fino a raggiungere il segnale di inizio sentiero.

c) altra possibilità all’altezza di Francolano, a monte del ristorante '4 archi', alcuni scalini immettono nel sentiero con direzione Verici.

Il sentiero si snoda tutto in cresta ma con pendenze lievi, la vegetazione non è molto ricca, il terreno è roccioso e in circa mezz’ora si arriva facilmente in località ‘Bruschi’, un caratteristico borgo di origini contadine, tutto ristrutturato senza aver alterato le particolarità architettoniche originali. Il panorama sul golfo del Tigullio è unico. Si possono ammirare antichi e nuovi vigneti che impreziosiscono le fascie collinari di antica fattura. Per chi è interessato è possibile recarsi in meno di dieci minuti a visitare la chiesa di Verici.
Proseguendo sul sentiero dopo località ‘Bruschi’ si giunge all’insediamento più alto (mt.280) dove è possibile scorgere i resti di un’antica costruzione che si ritiene essere una cella benedettina dell’XI secolo, il segnale della cornice quadrata rossa è ben visibile appena terminato il tratto di strada carrabile. Il sentiero prosegue in un tratto pressoché pianeggiante di una bellezza panoramica unica. In caso di giornata limpida è incantevole lo sguardo sul golfo del Tigullio fino a scorgere all’orizzonte i rilievi della Corsica e le scogliere terminali delle lontane Alpi Marittime. E’ possibile proseguire per altri trenta minuti lungo un sentiero segnato verso Villa Tassani, frazione di Sestri Levante , prima di arrivare a questa località si devia a destra e si abbandona il segnale della cornice quadrata rossa, seguendo le indicazioni si scende verso Cardini frazione di Casarza Lig. seguendo il sentiero attraversando un bosco di castagni e quercette, raggiunta la chiesetta si continua fino ad un tornante, subito dopo inizia un tratto di strada bianca e per un lungo tratto carrabile, si attraversano inizialmente oliveti quindi si entra nel bosco per la maggior parte ricoperto da pinete con lembi di macchia mediterranea, da qui è possibile vedere la piana di Casarza fino alla costa di Riva Trigoso. Si giunge dopo circa 1 ora e 15 m. ad un prato nei pressi di rovine di una antica fortificazione che termina con una torre sede dei baroni di Nansola e Campo Albaro. A dieci minuti di cammino si arriva a Bargone, cittadina medioevale, dove è possibile fare una sosta e visitare il borgo antico impreziosito da archi a tutto sesto, resti di fortificazioni e scalinate di marmo con striature rosse e nere. Per il ritorno è possibile usufruire dei mezzi pubblici per raggiungere Casarza o Sestri L. oppure si può riprendere il sentiero di Campo Albaro e proseguire per un sentiero che porta prima a S. Antonio e di seguito a Camezzana e quindi all’antica chiesa di S. Giovanni Battista diventato ormai il monumento architettonico più significativo di Casarza Ligure.