Homepage Comune Casarza

Rischio Nivologico

RISCHIO NIVOLOGICO

[ GELO, GHIACCIO, NEVE , DIMINUZIONE DELLA TEMPERATURA]


MISURE DI AUTOPROTEZIONE PRIMA DI METTERSI IN VIAGGIO DURANTE IL PERIODO INVERNALE:


cartello obblighi di catene


Obbligo di pneumatici invernali o catene a bordo, dal 15 novembre.
dal 15 Novembre scatta in molte località l'obbligo di montare pneumatici da neve o di avere catene a bordo, e nelle zone di montagna tale scadenza è anticipata al 15 ottobre
Il nuovo codice dela strada, varato nel 2010, infatti prevede per i gestori di strade e autostrade la possibilità di rendere obbligatori gli pneumatici invernali o le catene a bordo anche in assenza di neve. La sanzione applicata agli automobilisti che vengono trovati sprovvisti di catene a bordi o di gomme da neve va da 80 a 318 euro.

Nel seguito riportiamo nel dettaglio, i tratti di viabilità autostradale ed extraurbana interessati nelle regioni che hanno reso disponibili i provvedimenti adottati. In alcune zone sono stati emessi provvedimenti definitivi validi per tutti gli inverni, in altre regioni/provincie invece i provvedimenti vengono emanati tutti gli anni con leggere differenze. Nel seguito, qualora non siano ancora disponibili i provvediamenti per la stagione corrente, sono stati indicati i dati relativi all'inverno 2011/12.
Ultimo aggiornamento del 15 Novembre 2012.


Valle d'Aosta
L'obbligo di Pneumatici invernali o di catene da neve vale dal 15 ottobre al 15 aprile di ogni anno.
Trafori: T1 Traforo Monte Bianco, dal km 9.550 all'imbocco traforo; T2 Traforo Gran San Bernardo.
Autostrada A5 Aosta - Traforo Monte Bianco: da Aosta al traforo; Autostrada A5 Torino - Aosta, nel tratto Quincinetto - Aosta, dal km 53.192 al km 110.934.

Piemonte
Autostrada A6 Torino - Savona, nel tratto Marene - Savona dal 15 novembre al 15 aprile di ogni anno;
Autostrada A32 Torino - Bardonecchia, nel tratto fra il km 35.000 e il km 72.385 dal 15 ottobre al 15 aprile di ogni anno.
Strade statali, dal 15 ottobre al 15 aprile di ogni anno per: SS20 da Borgo San Dalmazzo (km 80.140) al confine di Stato (km 108.700); SS21 della Maddalena, da Argentera (km 54.700) al confine di Stato (km 59.708); SS659 dal km 26.000 al km 41.700; ss 28 "del Colle di Nava" dal km 8,300 (Fossano) al km 94,944 (Ponte di Nava); SS490 "del Colle del Melogno" tra Bagnasco/Innesto Ss28 Del Colle Di Nava e Massimino.
Provincie del Verbano Cusio Ossola e di Biella: obbligo di gomme invernali dal 15 di novembre 2012 al 31 marzo 2013 su tutte le strade provinciali.

Lombardia
Provincia di Cremona: Strade provinciali con obbligo di catene o pneumatici da neve dal 25 novembre 2011 al 31 marzo 2012 (probabile estensione per la stagione 2012/13 ma da verificare): Sp21 Cignone - Corte de' Frati; Sp26 Brazzuoli - Pieve d'Olmi; Sp33 Seniga - Isola Pescaroli; Sp37 Crema - Casaletto Ceredano; Sp38 Formigara - Oscasale; Sp39 Soncino - Calcio; Sp40 Paderno - Gadesco; Sp43 Crema - Credera; Sp44 Soncino - Casaletto di Sopra; Sp47 Soresina - Crotta d'Adda; Sp 53 Rubbiano - Persia; Sp80 Pianengo - Cremosano; Sp83 di Persico; Sp84 di Pizzighettone; Sp87 Giuseppina; Sp88 di Bozzolo; Sp95 di Longhirone; SP96 di Alfiano; Sp CR10 Padana Inferiore; Sp CR234 Codognese; Sp CR235 di Orzinuovi; Sp Cr343 Asolana; Sp CR415 Paullese; Sp CR498 Soncinese.
Provincia di Lecco: tutte le strade provinciali in presenza di fenomeni meteorologici nevosi.
Provincia di Pavia: la normativa provinciale indica "Dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno a tempo indeterminato" per: Sp35 dei Giovi dal km 79.650 al km 81.370; Sp596 dei Cairoli dal km 2.100; Sp69 Ofani dal km 1.100 al km 1.900 e dal km 6.050 al km 7.800.
Provincia di Varese: dal 15 novembre al 15 marzo di ogni anno per tutte le strade provinciali.

Liguria.

Autostrada A6 Torino - Savona, nel tratto Marene - Savona dal 15 novembre al 15 aprile di ogni anno;
SS30 Di Val Bormida. Obbligo di catene a bordo o pneumatici invernali tra Spigno Monferrato Var. (Km. 58,5) e Piana Crixia/Innesto Ss29 Del Colle Di Cadibona (Km. 68,8) dal 15 nov 2012 al 31 mar 2013.
SS490 Del Colle Del Melogno obbligo di catene a bordo o pneumatici invernali tra Bagnasco/Innesto Ss28 Del Colle Di Nava e Massimino (Km. 2,2) dalle 00:00 del 15 nov 2012 alle 00:00 del 31 mar 2013 dal km 0 al km 1,4


Veneto
Le ordinanze (emesse da Anas Veneto e, sulle Regionali e provinciali del territorio bellunese, Veneto Strade - Direzione operativa di Belluno) restano in vigore fino alla revoca, in caso di precipitazioni nevose o possibili formazioni di ghiaccio sul piano stradale.
Strade statali: SS12; SS47; SS50; SS50 Bis var; SS51; SS51 Bis; SS52; NSA127; NSA215; NSA 309; NSA317.
Strade Regionali: SR48 delle Dolomiti; SR50 del Grappa e Passo Rolle; SR203 Agordina; SR204 Belluno Mas; SR348 Feltrina; SR355 di Val Degano.

Provincia di Bolzano
L'ordinanza 1318 /2010 prevede obbligo di gomme invernali o catene da neve a bordo Durante i periodi di precipitazione di carattere nevoso o di possibili formazioni di ghiaccio sul piano viabile su Tutte le Strade statali e provinciali

Friuli Venezia Giulia
In Friuli Venezia Giulia le catene a bordo e gomme invernali sono obbligatorie in autostrada dal 15 novembre al 15 aprile.
Strade regionali in cui verrà probabimente attivato l'obbligo: SR 251 della Val di Zoldo e Val Cellina (tratto Montereale Valcellina-confine bellunese); SR 552 del Passo Rest (collega Sequals con la Carnia); SR 355 della Val Degano (collega la Val Degano a Sappada); SS 52 Carnica (collega la Val Tagliamento con il Veneto-Belluno); SR 465 della Forcella Lavardet e Valle San Canciano (tratto Veneto lungo la Val Pesarina sino a Sutrio); SR 14 della Venezia Giulia (la strada collega Trieste con il bivio ad «H»); SR 58 della Carniola (collega Trieste con il confine di Sesana-Slovenia); SR 518 di Devetaki (collega la SR 55 con la Slovenia); SR 519 di Jamiano (collega la SR 55 con la Slovenia).

Emilia Romagna
Autostrada A1 Milano - Napoli, tratto nodo Bologna: dal km 195.247 (raccordo Casalecchio) al km 209.800 (Sasso Marconi), dal 1 novembre 2011 al 15 aprile 2012;
Autostrada A1 Milano - Napoli: tratto Bologna - Arezzo, dal km 210.100 (Sasso Marconi) al km 358.600 (Arezzo), dal 1 novembre 2011 al 15 aprile 2012;
Autostrada A14 Bologna - Taranto: tratto Bologna - Pesaro Urbino, dal km 29.800 (allacciamento A14) al km 143.844 (Cattolica).
Strade statali: SS 63 del Valico del Cerreto: dal km 92.000 (La Bettola - Reggio Emilia) al km 35.550 (Passo del Cerreto), dal 1 novembre al 31 marzo di ogni anno.
Strade comunali: tutte le strade del Comune di Modena dal 15 novembre 2012 al 15 aprile 2013, mentre i Comuni limitrofi i provvedimenti dello scorso inverno in attesa di rinnovo: Sassuolo (Modena), dal 15 novembre 2011 al 14 aprile 2012; Pavullo (Modena), dal 15 novembre 2011 al 15 aprile 2012.

Liguria

Autostrada A7 Milano - Genova. Tratto Genova - Serravalle Scrivia: dal km 84.500 (Serravalle) al km 125.778 (Genova Bolzaneto), dal 1 novembre al 15 aprile di ogni anno;
A26 Voltri - Gravellona Toce: tratto Genova - Allacciamento A26/A7, dal km 0.00 (Allacciamento A10) al km 59.666, dal 1 novembre al 15 aprile di ogni anno;
A26 Raccordo autostradale A26/A7 (tratto Predosa - Bettole): dal km 0.00 al km 17.000, dal 1 novembre al 15 aprile di ogni anno.
Strade provinciali: l'obbligo di catene a bordo o pneumatici da neve va dal 1 novembre al 31 marzo di ogni anno per Sp32 di Leivi (San Colombano Certenoli, dal km 5.268 al km 8.335); Sp58 di Crocetta (da Orero - km 0.00 a Coreglia Ligure - km 6.560); Sp71 di Monte Cornua (Sori, dal km 6.341 al km 8.945); Sp225 della Val Fontanabuona (da Carasco - km 6.636 a Bargagli - km 33.215); Sp333 di Uscio (da Avegno - km 7.881 a Moconesi - km 19.845); Sp523 di Centocroci (dal km 79.440 al km 82.609 e da Casarza Ligure - km 92.866 a Sestri Levante - km 94.205).


Toscana
Autostrada A1 Milano - Napoli: tratto Bologna - Arezzo, dal km 210.100 (Sasso Marconi) al km 358.600 (Arezzo), dal 1 novembre 2011 al 15 aprile 2012;
Autostrada A11 Firenze - Pisa Nord: per tutto il periodo invernale 2011 - 2012 dal km 0.000 al km 81.100.
Provincia di Arezzo. Dal 15 Novembre al 15 Aprile in tutte le strade provinciali previste dall'ordinanza, soprattutto in Casentino e Valtiberina, dove il 50% delle strade è a quota superiore agli 800 metri, ma che coinvolge anche la montagna cortonese, la parte della viabilità del Valdarno della zona della Chiantigiana e di Montegonzi, le strade a cavallo tra Val d'Ambra e Valdichiana e la SR 69 nel tratto tra Levane e Indicatore.

Umbria
Raccordo autostradale RA06 Bettolle - Perugia dal km 19.090 al km 58.470 (Ponte San Giovanni) dal 1 dicembre 2011 al 31 marzo 2012.
Strade statali, dal 1 dicembre 2011 al 31 marzo 2012: SS3 Flaminia dal km 103.900 al km 122.000, dal km 170.000 al km 188.500 e dal km 195.790 al km 197.050 (innesto SS76); SS3 Bis - Itinerario E45 dal km 3.000 al km 14.500 e dal km 87.000 al km 133.755; SS73Bis dal km 0.000 al km 16.804; SS76 dal km 0.000 al km 3.314; SS77 dal km 1.050 al km 27.844; SS205 dal km 45.800 al km 52.100 (innesto A1); SS219 dal km 0.000 al km 5.600 e dal km 5.800 al km 44.920; SS318 dal km 8.000 al km 42.170; SS448 dal km 0.000 al km 25.440; SS675 dal km 54.500 al km 67.000; SS685 dal km 7.396 al km 40.000.

Marche
Obbligo di catene a bordo o pneumatici invernali dal 15 novembre 2012 al 15 aprile 2013 nei seguenti tratti:
Raccordo autostradale 11 "Ascoli Piceno-Porto d'Ascoli", da Ascoli Piceno (km 0,000) all'innesto dell'autostrada A14 (km 24,450), in provincia di Ascoli Piceno.
Strade statali: SS 16 "Adriatica", da Colombarone a Cattabrighe e da Falconaraad Aspio di Ancona; SS 16 dir/b "del Porto di Ancona", da Pinocchio a Palombare di Ancona; SS 687 "Pedemontana" l'intero tracciato; SS 73bis "di Bocca Trabaria", dal confine con l'Umbria a Fossombrone; SS 73bis Var (Variante di Urbino), per l'intero tracciato da Urbino al bivio di Borzaga; SS 76 "della Val d'Esino" dallo svincolo di Jesi Ovest al confine con l'Umbria, in provincia di Ancona; SS 77 "della Val di Chienti": dallo svincolo di Corridonia al confine con l'Umbria, compresa la variante tra Sfercia e Pontelatrave (SS 77 var dal km 0.000 6+073), in provincia di Macerata; SS 4 "via Salaria", da Ascoli Piceno al confine con il Lazio; SS 685 "delle Tre Valli Umbre", dall'innesto con la SS4 "Salaria" alla galleria San Benedetto; SS 81 "Piceno-Aprutina", da Ascoli Piceno al confine con l'Abruzzo.

Abruzzo
Autostrada A24 Roma - Teramo: dal km 33,300 (Vicovaro - Mandela) al km 149.000 (Basciano - Villa Vomano): dal 15 novembre 2012 al 15 aprile 2013;
Autostrada A25 Roma - Pescara, tratto Svincolo di Torano - Pescara: dal km 73.671 (svincolo direzionale Torano) al km 196.000 (Pescara innesto A14): dal 15 novembre 2012 al 15 aprile 2013.
Comune L'Aquila: Ordinanza di pneumatici da neve o catene a bordo in vigore dal 19 novembre 2012 e fino al 14 aprile 2013 su tutto il territorio del comune.

Lazio
Autostrada A24 Roma - Teramo: dal km 33,300 (Vicovaro - Mandela) al km 149.000 (Basciano - Villa Vomano): dal 15 novembre 2012 al 15 aprile 2013;
Autstrada A14 tra Porto Sant'Elpidio e Poggio Imperiale dal 1 dicembre 2012 al 15 aprile 2013;
Autostrada A25 Roma - Pescara, tratto Svincolo di Torano - Pescara: dal km 73.671 (svincolo direzionale Torano) al km 196.000 (Pescara innesto A14): dal 15 novembre 2012 al 15 aprile 2013.
Strade statali: SS 4 via Salaria, dal km 97,000 al confine regionale con le Marche; SS 17 dell'Appennino Abruzzese, da Antrodoco al confine regionale con l'Abruzzo.

Campania - Basilicata - Calabria
A3 Salerno Reggio Calabria. Obbligo di catene a bordo o pneumatici invernali tra Buonabitacolo-Padula (Km. 103,8) e Frascineto-Castrovillari (Km. 194,3) in entrambe le direzioni dalle 00:00 del 15 ott 2012 alle 23:59 del 31 mar 2013 dal km 103+800 al km 194+000.
Strade statali: dal 15 novembre al 31 marzo per SS 107 Silana Crotonese (l'intero tratto fino al km 137.300); SS 108Bis Silana di Cariati (l'intero tratto fino al km 55.200); SS 177 Silana di Rossano (l'intero tratto fino al km 59.735); SS 179 Lago Ampollino (l'intero tratto fino al km 5.800); SS 179Dir (l'intero tratto fino al km 27.460); SS 182 (dal km 43.000 al km 73.000); SS 283 (dal km 12.000 al km 18.000); SS 616 (da Colosimi a Martirano - svincolo A3); SS 660 (l'intero tratto fino al km 43.400); SS 682 (dal km 15.000 al km 24.000).

obbligo-catene-a-bordo-neve-450x300

CONSIGLI PER L'INVERNO PER IL TUO MEZZO E PER COME TI DEVI COMPORTARE:


L’inverno è una stagione difficile sia per le auto che per gli automobilisti, con pioggerelline deprimenti e temperature glaciali che, oltre a creare situazioni pericolose, si insinuano fino al cuore di uomini e vetture.

Di conseguenza, per evitare che la vostra auto si fermi per un’improvvisa ondata di freddo o vi lasci a piedi nel mezzo di una tormenta di neve, ecco alcuni importanti consigli che vi aiuteranno a mantenerla sicura e in buono stato duranti i prossimi mesi, fino all’atteso ritorno dell’automobilismo estivo.


DIECI IMPORTANTI CONSIGLI E CHECK-UP DELLA VETTURA:



Prima che l’inverno prenda definitivamente piede assicuratevi che la vostra auto sia in regola con il collaudo annuale e il tagliando e, facendolo, fate controllare all’officina i dieci punti elencati di seguito:

LIQUIDO REFRIGERANTE – Con l’abbassamento delle temperature è necessario rabboccare il liquido refrigerante del motore con un antigelo che impedisca la formazione di ghiaccio. La miscela dovrebbe essere composta da antigelo e acqua nella proporzione 50-50.

BATTERIA – La batteria è una delle più grandi delusioni in inverno e, se scarica, può appiedarvi. Normalmente una batteria dura 5 anni e la vostra officina può verificare che non sia ancora “scaduta”.

OLIO – L’olio è fondamentale per il condizionamento di un’auto e le condizioni del tempo in inverno sono considerate una grave minaccia al benessere di qualsiasi veicolo. Consultate le raccomandazioni contenute nel manuale della vostra auto e fate in modo di cambiare l’olio regolarmente.
Battistrada di una gomma

BATTISTRADA – Quando piove a dirotto, la profondità del battistrada può fare la differenza tra il controllo del veicolo e l’uscita di strada. Assicuratevi che la profondità della superficie di aderenza rientri, e preferibilmente superi, gli 1,6 millimetri di legge.

PARABREZZA– Gli sbalzi di temperatura estremi possono indebolire il parabrezza. Con l’avvicinarsi dell’inverno, assicuratevi che vengano riparate tutte le incrinature per evitare che il danno si estenda o che il vetro si infranga.

FANALI ANTERIORI– Come il parabrezza, anche le luci anteriori sono soggette a scheggiature e incrinature a causa dello sporco e dei sassi proiettati dalla carreggiata. Riparate qualsiasi crepa per evitare di rimanere al buio.
Controllate i tergenti di gomma dei tergicristalli
TERGICRISTALLI– D’estate il calore può indebolire i tergenti in gomma dei tergicristalli. Per avere una visuale sgombra assicuratevi che le spazzole anteriori e posteriori aderiscano al vetro in ogni punto.

CHIAVI– Una chiave danneggiata può causare enormi problemi d’inverno così come una serratura bloccata può lasciarvi in preda al freddo e alla frustrazione. Il freddo compromette anche le batterie del telecomando, quindi assicuratevi che siano nuove.

GARAGE– Il modo migliore per preservare la vostra auto dalla morsa invernale è tenerla in garage. Un garage riscaldato contribuirà ancora maggiormente a evitare i danni causati dal gelo invernale.

ASSISTENZA– Non finite sul ciglio della strada senza nessuno che vi aiuti. Assicuratevi di essere provvisti di un servizio di assistenza in caso di guasti prima dell’arrivo dell’inverno e tenete tutte le informazioni e i numeri telefonici a portata di mano nella vettura.

DIECI IMPORTANTI CONSIGLI E PREPARATIVI PRIMA DI UN VIAGGIO:


Prima di partire, sia per andare al supermercato vicino che per intraprendere un lungo viaggio lontano da casa, assicuratevi di passare in rassegna i seguenti dieci punti di controllo:

CONGELAMENTO DELLE PORTIERE – Per evitare di ritrovarvi con una portiera congelata, prima di chiuderla alla fine del viaggio spruzzate sulla guarnizione un lucido per mobili.

PRESSIONE DEI PNEUMATICI – Assicuratevi che la pressione delle gomme sia quella raccomandata e non lasciatele sgonfie per aumentare l’aderenza…non funziona.

RISCALDAMENTO – Avviate sempre il motore prima di accendere i fanali o l’autoradio per evitare di scaricare la batteria.
Macchina ghiacciata
PARTI CHE POSSONO GELARE – Assicuratevi che i tergicristalli non si attacchino al vetro e che la cinghia della ventola e il radiatore non siano ghiacciati… in caso contrario, la vettura può scricchiolare o surriscaldarsi.

FINESTRINI SGOMBRI – Rimuovete il gelo e il ghiaccio dai finestrini con un raschiaghiaccio e un prodotto sghiacciante… non utilizzare acqua calda in quanto potrebbe formare crepe nei vetri.

VISUALE SGOMBRA – Non mettetevi mai in marcia con i finestrini appannati. Se avete fretta, velocizzate lo sbrinamento usando l’impianto di condizionamento dell’aria.

AFFATICAMENTO DELLA BATTERIA – Se l’auto non parte, tenere girata la chiave per cinque secondi con pause di 30 secondi per dare alla batteria il tempo di ricaricarsi.

RISCALDAMENTO INTERNO – Portate l’interno dell’abitacolo ad una temperatura confortevole minimizzando però in seguito l’utilizzo dei dispositivi elettrici per evitare lo scaricamento della batteria.

LIQUIDO DETERGENTE – Assicuratevi che il serbatoio del liquido detergente sia sempre pieno, altrimenti il parabrezza si ricoprirà rapidamente della fanghiglia presente sulle strade.

PREPARAZIONE PERSONALE – Se fa freddo copritevi bene… indossando però comodi indumenti a strati che non vi impediscano nella guida.

DIECI IMPORTANTI CONSIGLI E ATTREZZATURA DA PORTARE CON SÉ:


Se sono solo dieci le cose che potete portare in viaggio con voi, fate in modo che siano le seguenti. Non allontanatevi da casa se non le avete tutte:

CELLULARE – Portate un telefonino in modo da poter chiamare in caso di emergenza ma non usatelo mai mentre guidate.

SGHIACCIANTE/RASCHIAGHIACCIO – Tenete nel vano del cruscotto uno sghiacciante e un raschiaghiaccio per parabrezza nel caso l’auto geli.

ALIMENTI CALORICI – Se rimanete bloccati, cioccolatini e caramelle di zucchero bollito forniscono molta energia. Un thermos con una bevanda calda può inoltre mantenervi caldi.

COPERTA/INDUMENTI PESANTI – Se la vostra auto si ferma non potrete usufruire del riscaldamento. Portate quindi con voi dei capi che vi permettano di coprirvi bene.

LAMPADA TASCABILE/BATTERIE – Senza elettricità non c’è

COME COMPORTARSI SE GELANO I TUBI DELL'ACQUA ?


Con l'approssimarsi dell'inverno e in previsione di una possibile sensibile diminuzione delle temperature, si invitano tutti gli utenti ad adottare sin da adesso misure idonee ad assicurare un'adeguata protezione dei contatori da eventuali gelate, evitando così il pericolo di rotture o d'interruzioni dell'erogazione dell'acqua. Il regolamento del servizio idrico integrato, infatti, indica l'utente come responsabile della corretta custodia del contatore di competenza.


Ecco alcuni suggerimenti:

- Se i contatori sono in fabbricati disabitati nel periodo invernale, bisogna chiudere il rubinetto a monte del misuratore e provvedere allo svuotamento dell'impianto.
- Negli altri casi, in genere, è sufficiente verificare che siano ben chiusi i vani d'alloggiamento del contatore.
- Se i contatori si trovano in punti particolarmente esposti si consiglia di fasciare l'impianto con materiali isolanti specifici (come polistirolo, poliuretano espanso, etc.) avendo comunque cura di lasciare scoperto il quadrante delle cifre, per consentire l'eventuale lettura del contatore.
- Se invece, ad un controllo, il contatore risultasse congelato ma non ancora rotto, è assolutamente sconsigliato manovrare le valvole di afflusso e chiusura o di scongelarlo con fiamme libere o fonti intense di calore (lo stress provocato ai materiali di cui è composto l'impianto, potrebbe danneggiarlo irrimediabilmente); è consigliabile invece avvolgere il contatore con una coperta vecchia o con dei giornali, aspettando pazientemente che si scongeli, oppure ancora utilizzare un asciugacapelli.

Infine, se il contatore risulta rotto è necessario mettersi subito in contatto con il gestore del Servizio Idrico (numero verde gratuito 800 014212, attivo 24 ore su 24, sia per telefono fisso che mobile) affinché si attivi la procedura di sostituzione o riparazione.

Si invitano inoltre i cittadini ad adottare misure idonee per assicurare un'adeguata protezione dei contatori da eventuali gelate, evitando il pericolo di rotture o di interruzioni dell'erogazione dell'acqua e a proteggere le tubazioni poste in superficie ed esternamente all'edificio.

È opportuno, quindi, che il titolare del contratto di fornitura idropotabile (amministratore di stabile o proprietario dell'immobile) provveda a seguire alcuni utili e semplici consigli:
1) In presenza di contatori collocati in pozzetti o in nicchie esterne ai fabbricati, in locali non riscaldati o non abitati, se la temperatura esterna dovesse rimanere per più giorni al di sotto dello zero, è consigliabile lasciare che da un rubinetto fuoriesca un filo d'acqua. È sufficiente una modesta quantità, evitando inutili sprechi.
2) I pozzetti (o le nicchie poste sui muri esterni dei fabbricati), sportello compreso, debbono comunque essere ermeticamente isolati dall'ambiente esterno e opportunamente coibentati. Basta usare materiali isolanti, come ad esempio polistirolo o poliuretano espanso, facilmente reperibili presso rivenditori del settore edile. Affinché svolgano in modo efficace la loro funzione isolante, lo spessore dei pannelli deve essere di almeno 30 mm. Dovrà essere prestata attenzione affinché il materiale coibente venga installato garantendo adeguata continuità di protezione, anche negli angoli. Nei pozzetti interrati non dovrà essere coibentato il fondo, mentre nelle nicchie si dovrà curare di proteggere anche le tubazioni, ricordando che il rischio di gelo può interessare sia il contatore sia la rete di distribuzione interna.
3) I contatori in locali non riscaldati devono a loro volta essere rivestiti con materiale isolante (sempre polistirolo, poliuretano espanso o materiali simili).
4) Non avvolgere le tubature dell'acqua con lana di vetro o stracci: questi materiali assorbono acqua e possono addirittura peggiorare la situazione, oltre a costituire un potenziale luogo di annidamento per insetti e sporcizia.

Si ricorda, inoltre, che a norma di regolamento l'utente è tenuto a preservare dal gelo il contatore e gli accessori, essendo egli responsabile dei danni e dei guasti che avvenissero per causa a lui imputabile. Nella fattispecie, occorre precisare che l'eventuale sostituzione dell'apparecchio di misura avviene a spese dell'utente. In caso di rotture o danni al contatore con fuoriuscita di acqua, gli utenti sono invitati a darne immediata comunicazione al gestore del servizio, telefonando al numero verde del pronto intervento attivo 24 ore su 24 tutti i giorni dell'anno.


Società dell’Acqua Potabile S.r.l

Via Latiro 33 - 16039 Sestri Levante (Genova)
Telefono 0185.456601 - Fax 0185.482555
e-mail SAP S.r.l. sap.srl@veoliaacqua.it
e-mail E.G.U.A. S.r.l. egua.srl@veoliaacqua.it
Pec SAP S.r.l. sapsrl@cert.studiopirola.com
Pec E.G.U.A. S.r.l. eguasrl@cert.studiopirola.com
Numero Verde per segnalazione guasti attivo 24 ore su 24 800 014212


rubinetto ghiacciato