Homepage Comune Casarza

Modalità di calcolo generali ICI

Fabbricati


Le rendite catastali rilevate dal certificato catastale o determinate ai sensi dell'art. 1, comma 173, Legge Finanziaria 2007 (rendite presunte), devono essere rivalutate del 5%.

Il valore catastale viene calcolato applicando alla rendita rivalutata il moltiplicatore adeguato:

100 - per le categorie A (da A/1 a A/9), C (da C/2 a C/6)


140 - per le categorie B (da B/1 a B/8) dal 01/01/2007



50 - per le categorie D e A/10 (ove esistente)


34 - per la categoria C/1


Applicando alla base imponibile l’aliquota stabilita dal Consiglio Comunale si ottiene l’imposta su base annua.

L’imposta da pagare è invece quella che si ottiene tenendo conto:

a) della percentuale di possesso (quota);

b) dei mesi di possesso (periodo);

c) delle seguenti detrazioni e riduzioni:

 riduzioni per inagibilità e inabitabilità.

 detrazione per abitazione principale vedi modifiche apportate col D.L.93/2008
 ulteriore detrazione vedi modifiche apportate col D.L.93/2008


Nel caso in cui il periodo di possesso o di spettanza di aliquote agevolate e/o detrazioni sia inferiore all'anno occorre fare i calcoli distinti per periodi d'imposta rapportati ai mesi.

Aree fabbricabili


L’area fabbricabile non è classificata in catasto come tale e quindi non esiste la base del calcolo, come per i fabbricati (rendita) da cui ottenere il valore imponibile che è dato, viceversa, dal valore venale in comune commercio al 1° gennaio dell’anno di imposizione.

Il valore venale deve essere dichiarato dal contribuente.

Le operazioni da seguire sono:

1. Il valore venale in comune commercio risultante al 1° gennaio dell’anno d’imposta.
2. Applicando alla base imponibile l’aliquota si ottiene l’imposta su base annua.

L’imposta da pagare è invece quella che si ottiene tenendo conto:
 della percentuale di possesso (quota);
 dei mesi di possesso.