Homepage Comune Casarza

Fabbricati inagibili o inabitabili

Per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, l'imposta va ridotta del 50 per cento, limitatamente al periodo dell'anno durante il quale sussistono dette condizioni.

L'inagibilitÓ o l'inabitabilitÓ deve consistere in un degrado fisico sopravvenuto (ad esempio, inagibilitÓ o l'inabitabilitÓ e l'assenza di utilizzo, fabbricato diroccato, pericolante, fatiscente) non superabile con interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria.

Accertamento dell'inagibilitÓ o inabitabilitÓ

L'inagibilitÓ o l'inabilitÓ Ŕ accertata dall'ufficio tecnico del Comune con perizia posta a carico del proprietario, il quale avrÓ cura di allegare idonea documentazione alla dichiarazione.

In alternativa, il contribuente ha facoltÓ di presentare un'autodichiarazione, resa ai sensi del Dpr 445/2000 ed esente dall'imposta di bollo. Tale autodichiarazione, avendo una portata esaustiva, sostituisce sia l'attestazione comunale sia la perizia dell'ufficio tecnico (Circolare 15 maggio 1997 n. 137/E).

Ovviamente, in quest'ultima ipotesi, il Comune impositore potrÓ attivarsi per verificare se la dichiarazione Ŕ mendace, con i conseguenti riflessi sotto il profilo penale. In tale ottica, non si pu˛ omettere di rilevare che la mancata accettazione della dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietÓ costituisce violazione dei doveri d'ufficio. Di contro, qualora dal controllo emerga la non veridicitÓ del contenuto, il dichiarante decade dal beneficio, fermo restando l'applicazione della sanzione penale.


A norma dell'art. 15 del Regolamento Comunale per l'applicazione dell'ICI la riduzione dell'imposta si applica dalla data di presentazione all'ufficio tributi di dichiarazione sostitutiva attestante lo stato di inagibiliÓ o inabitabilitÓ